DICONO DI NOI

Note di esperienza di C.

“Ho cominciato a frequentare il Centro ASD Salute e Vita dopo avere cercato una “palestra” comoda, e questa lo è, esattamente a metà del percorso che tutti i giorni faccio da casa allo studio e viceversa.

E poi ero alla ricerca di qualcuno che insegnasse anche il sabato, e non è facile.

Le mie esperienze precedenti con lo yoga non erano state positive, una volta mi ero fatta un male serio al collo per una specie di capriola forzata e una seconda volta le troppe parole e la poca attività fisica mi avevano allontanato.

Ma questo non si presentava come uno yoga meditativo, medito anche troppo, ma come uno yoga integrato.

Non ho chiesto nulla sul metodo, quando sono andata alla lezione di prova, qui le parole non si sprecano, e le domande nemmeno ti vengono tanto. Ho provato, e non lo lascio più.

All’inizio la fatica è tanta, ma non è una gara, nessuno ti guarda per vedere se sei brava o no, nessuno ti guarda per vedere se sei bella o brutta, giovane o vecchia.

Sei lì e cerchi di dare quello che puoi, io cerco sempre per carattere di fare più che posso ( ma non è obbligatorio), e pian piano fai sempre meno fatica.

La ginnastica è tosta, non è una passeggiata, però non c’è nulla che non si possa fare.

Ormai è quasi un anno, e mi guardo indietro.

Non riuscivo più a portare nemmeno un sacco della spesa, la mia emicrania era quasi quotidiana, male ai polpacci, male ovunque la mattina al risveglio. E poi i muscoli dov’erano finiti?

Bene, adesso mi sento bene, e sono forte, posso fare le cose, i muscoli sono tornati e il mal di testa no.

Non sono giovane ma anche la mia figura e il mio portamento sono migliorati, e sono soddisfatta anch’io, che di me non lo sono mai.

Poi respiro, respiro a fondo, e nel respiro la tensione si allenta e penso solo a quello che faccio in quel momento, fuori dalla porta impegni e problemi.

Bravi e seri i ragazzi che insegnano, si fa fatica ma si viene volentieri, sempre di più. Grazie davvero.

C.”

Note di Esperienza di F.

“Dopo un anno di pratica di Yoga integrato sono lieto di riportare la mia esperienza e le mie sensazioni.
Nella vita professionale esercito un’attività di alta specialità e sono anche docente per la mia disciplina nella mia Università.
Gran parte della mia quotidianità è dunque scandita da una notevole fatica fisica e mentale, compreso il disagio degli spostamenti quotidiani degli ultimi 20 anni, vivendo 90 chilometri dal luogo in cui esercito la mia professione…Sala operatoria, colleghi, pazienti, studenti, lezioni, ricerca…, se non ben gestiti, assolutizzano la vita sotto una cappa di “distress” negativo…

L’anno scorso mi ero interessato, sui motori di ricerca scientifici di internet che uso per le mie ricerche, ai benefici della pratica dello Yoga, ampiamente dibattuta e oggetto di studio soprattutto nella prevenzione delle malattie cardiovascolari, ma sinceramente mi interessava un approccio non “meditativo” alla disciplina, ma qualcosa che avesse un beneficio anche fisico, oltre che di rilassamento mentale. Da tempo iniziavo ad avvertire dolori e contratture muscolari alla schiena ed al collo, frutto di posture viziate e di anni di notti insonni in sala operatoria…

Mi sono imbattuto nel sito della A.S.D. Salute e Vita e così, ispirato da non so cosa, ho telefonato e lo stesso giorno sono andato a conoscere di persona l’ambiente e gli amici che vi svolgono la loro professione…

Ho intrapreso un percorso di allenamenti assolutamente “personalizzati” con gradualità di difficoltà e di impegno, a partire da una “rieducazione” al respiro, un gesto innato ma anche quello usualmente “dimenticato” nella sua valenza e relegato ad una mera ripetizione meccanica muscolare per scambi gassosi… Ho potuto mantenere una frequenza bisettimanale a causa degli impegni lavorativi, ma i benefici non hanno tardato ad arrivare.
Lavorando sull’allenamento costante, sul rilassamento del corpo, sul corretto esercizio muscolare aerobico e sulla corretta respirazione, l’esercizio dello Yoga mi sta aiutando moltissimo a sciogliere le tensioni accumulate, trasmettendomi inoltre un metodo per ottenere la concentrazione e per meglio capire il mio corpo che può essere utilizzato anche al di fuori dell’allenamento. Ciò lo riscontro particolarmente nelle situazioni di maggior stress in cui avverto un miglior approccio al problema ed una più serena risoluzione.

Tutto questo però è possibile ottenerlo solo con costanza di allenamenti, apertura mentale verso metodiche di esercizio fisico innovative e, soprattutto, vincendo la naturale pigrizia che in alcuni è naturale, soprattutto quando svanisce la curiosità dei primi allenamenti.
Occorre cioè avere l’intelligenza di andare oltre la stanchezza “serale” o lo pseudoriposo tutto cibo e divano del weekend e di comprendere che le ore di allenamento sono un proficuo “investimento” di benessere!
Il passo successivo coinvolge poi uno stile di vita più sano a 360°, che richiede una corretta alimentazione e la riduzione di vizi ed abusi, ma questa è un’altra storia…

In conclusione, dopo un anno di pratica di Yoga sono assolutamente convinto di aver fatto a me stesso un bel regalo, di aver conosciuto professionisti amici che mi seguiranno in questo percorso nella migliore maniera anche per il futuro, e consiglio a tutti di fare questa esperienza di benessere psicofisico con ripagata convinzione.

Un sincero grazie a Francesca, Atreious e Davide
F.”